Ma dove sei?

Ma dove sei?

In principio è ovvio, ti sei nascosto per non farti travolgere dal mocio piovra.
In un momento di disorientamento ti ho visto prendere la strada del corridoio, alla volta dello stanzino, tutto raffreddato.
Ti ho incrociato sotto il tavolo e sei certamente passato attraverso le fauci di #gattocozza, da come ti ha spolpato o meglio spolverato.
Ma da lì ho perso le tue tracce.

Allora dove sei? La tua scomparsa non è certamente dovuta a un eccessivo attacco di casalinga isterica con Dyson per due buoni motivi. Uno, nulla cambia tutto si rigenera, ergo disordinata ero e disordinata rimango.
Due, ragione ancora più valida, il Dyson non ce l'ho.
Quindi? Dove ti sei nascosto?
Va beh, non importa.
Ma d'improvviso eccoti lì.
Ho messo gli occhiali.
Lì tutto impaurito!
Non guardarmi così, tranquillo, non ti "straccizzo".

Perbacco quanto mi sei mancato Bagolo!

da La Saga del Bagolo

Ma dove sei?

In principio è ovvio, ti sei nascosto per non farti travolgere dal mocio piovra. In un momento di disorientamento ti ...
Leggi Tutto
bagolo

Ti accompagno in camera, pulisco domani

Il bagolo, atto terzo. Il bagolo così non si era mai visto. È vestito a festa oggi. Tutto impettito. Mi ...
Leggi Tutto

Polvere

Ovvero il guanto della sfida "Perchè non mi fai un bagolo?" Facile a dirsi: un batuffolo di lana dall'aspetto polveroso ...
Leggi Tutto
bagolo a zonzo

Bagoli on the road, atto secondo

Sabato. Ne ho incontrati tanti di bagoli oggi sul mio cammino. Giganteschi, dalla forma affusolata, striscianti in abito chiaro appena ...
Leggi Tutto
Bagolo

Lo chiamerò Bagolo, atto primo

Ho deciso di dargli un nome.  Lo chiamerò Bagolo. Sì sì Bagolo mi piace e rende. Non posso che cominciare ...
Leggi Tutto
Neurone a San Lorenzo

Neurone a San Lorenzo

stelle cadenti san lorenzo

Cadere a terra, non elegantemente come le stelle a San Lorenzo.
No, spiattellarsi a terra. E già di per sè è un fastidio. Qualsiasi cosa cade arreca fastidio più o meno intenso.
In cucina la fettina con la marmellata matematicamente con la faccia rivolta verso il basso, in strada il cellulare, dall'alto scientificamente dalla parte dello schermo, magari dentro una pozza d'acqua durante un improvviso tsunami.
Innumerevoli esempi potremmo fare. Anche decisamente più fastidiosi.
Poi cadono le foglie e i fogli e cadono anche le cose più semplici: le classificherei come quelle che servono meno.
A casa mia di quelle ne cadono tante .. o meglio cadono e nessuno le considera, quindi diventano tante a occhio nudo.
Il calzino pulito in corridoio caduto durante la frettolosa sistemazione del bucato, la forcina o l'elastico dell'apparecchio in bagno in un punto in cui tutti passano e nessuno la raccoglie.
Credo che il neurone di ciascuno di noi venga folgorato necessariamente da un "non è mio" o da un " lo vedo e me ne frego" ma anche da un "lo raccoglie qualcun altro". Intanto il calzino giace imperterrito da due giorni e non posso credere che vi sia anche solo un neurone che dica "non lo ho visto".
E lo raccolgo, nella notte di San Lorenzo..

 

Vacanze al 100% elettriche. Day Zero

Vacanze al 100% elettriche. Day Zero

#DaynumberZero.

Comincia oggi la mia nuova avventura alla guida di un'auto elettrica.
No ibrida, no gas.  Elettrica al 100 %.
Se fosse ronzata una mosca attorno oggi, con le sue migliaia di ommatidi, avrebbe osservato una bambina emozionata, agitata alla sua prima volta e ansiosa (ma quello lo sono sempre) ascoltare con attenzione le istruzioni di Pasquale
Un salto. Da guida con cambio manuale, volante da camion e accensione a manovella al cambio automatico e alimentazione elettrica.
Una bimba stagionata col giochino nuovo. ????????????

Da oggi per una ventina di giorni potrò provare questo nuovo modo di viaggiare.
Don't worry Carolina ???? sto solo provando.
Grazie Pasquale e grazie Style Car per questa opportunità.
Nel frattempo... mi preparo.

da #goelectric

Vacanze al 100% elettriche. Day Zero

#DaynumberZero. Comincia oggi la mia nuova avventura alla guida di un'auto elettrica. No ibrida, no gas.  Elettrica al 100 % ...
Leggi Tutto
Ti accompagno in camera, pulisco domani

Ti accompagno in camera, pulisco domani

bagolo

Il bagolo, atto terzo. Il bagolo così non si era mai visto.
È vestito a festa oggi. Tutto impettito.
Mi sa che si dirige sotto il letto dove c'è un festino in corso.
Sono in tanti, tantissimi. Svolazzanti in abiti leggeri, stanno volteggiando in pas de deux irripetibili, sospinti da una leggera breva che scende dal Malcanton.

Come si fa ad aspirare il bagolo che ti guarda in questo modo?
Cucciolo, ti accompagno in camera. Pulisco domani.
Si ringrazia vivamente l'Ale per aver dato sembianze umane al bagolo.

da La Saga del Bagolo

Ma dove sei?

In principio è ovvio, ti sei nascosto per non farti travolgere dal mocio piovra. In un momento di disorientamento ti ...
Leggi Tutto
bagolo

Ti accompagno in camera, pulisco domani

Il bagolo, atto terzo. Il bagolo così non si era mai visto. È vestito a festa oggi. Tutto impettito. Mi ...
Leggi Tutto

Polvere

Ovvero il guanto della sfida "Perchè non mi fai un bagolo?" Facile a dirsi: un batuffolo di lana dall'aspetto polveroso ...
Leggi Tutto
bagolo a zonzo

Bagoli on the road, atto secondo

Sabato. Ne ho incontrati tanti di bagoli oggi sul mio cammino. Giganteschi, dalla forma affusolata, striscianti in abito chiaro appena ...
Leggi Tutto
Bagolo

Lo chiamerò Bagolo, atto primo

Ho deciso di dargli un nome.  Lo chiamerò Bagolo. Sì sì Bagolo mi piace e rende. Non posso che cominciare ...
Leggi Tutto
Bagoli on the road, atto secondo

Bagoli on the road, atto secondo

bagolo a zonzo

Sabato.
Ne ho incontrati tanti di bagoli oggi sul mio cammino. Giganteschi, dalla forma affusolata, striscianti in abito chiaro appena usciti, scuri in volto, accigliati, grassi e tondi e altri ancora, sino ai neonati informi appena percettibili.
Ma cos'è il bagolo?  Ve ne ho già parlato: è quel simpatico essere animato che vediamo ogni giorno svolazzarci davanti, lo vediamo nascondersi in un angolino, un esserino informe che Sua Maestà la Polvere produce in quantità industriali, almeno a casa mia.
Non so voi ma personalmente, non essendo particolarmente affetta da fobia del pelo di tappeto spettinato, ma ogni tanto colpita dalla sindrome della casalinga isterica, ricado ciclicamente a doverne fare incetta per evitare di soffocarci dentro.
Oggi è giornata dedicata.
Ecco allora che ho aspirato miriadi di bagoli, bagoloni e bagolini, spiaccicato col mocio altrettanto loro simili ...
Spero solo di non venire denunciata alla associazione nazionale per la salvaguardia del bagolo. Sia mai che diventi a rischio di estinzione.

 

da La Saga del Bagolo

Ma dove sei?

In principio è ovvio, ti sei nascosto per non farti travolgere dal mocio piovra. In un momento di disorientamento ti ...
Leggi Tutto
bagolo

Ti accompagno in camera, pulisco domani

Il bagolo, atto terzo. Il bagolo così non si era mai visto. È vestito a festa oggi. Tutto impettito. Mi ...
Leggi Tutto

Polvere

Ovvero il guanto della sfida "Perchè non mi fai un bagolo?" Facile a dirsi: un batuffolo di lana dall'aspetto polveroso ...
Leggi Tutto
bagolo a zonzo

Bagoli on the road, atto secondo

Sabato. Ne ho incontrati tanti di bagoli oggi sul mio cammino. Giganteschi, dalla forma affusolata, striscianti in abito chiaro appena ...
Leggi Tutto
Bagolo

Lo chiamerò Bagolo, atto primo

Ho deciso di dargli un nome.  Lo chiamerò Bagolo. Sì sì Bagolo mi piace e rende. Non posso che cominciare ...
Leggi Tutto